Gestire pagine e account professionalmente con Facebook Business Manager

Home  /  Social Network  /  Facebook  /  Gestire pagine e account professionalmente con Facebook Business Manager

Ogni social media marketer ha imparato da bambino che la gestione di più Facebook Pages, Facebook Ad e Facebook App genera parecchi grattacapi in termini di organizzazione e sicurezza, specialmente in mancanza di un tool che dia la possibilità di riunire in un’unica piattaforma tutte le pagine e gli account amministrati, gestendo contemporaneamente ruoli e accessi da parte di terzi.
Lo scorso aprile Facebook ha messo mano a tutto ciò, con l’implementazione della piattaforma Facebook Business Manager, dapprima in beta testing solo negli States, poi con la release ufficiale, disponibile da qualche mese anche in Italia.

È la tanto sospirata svolta in chiave business di Facebook, che finalmente mette a disposizione degli addetti ai lavori uno strumento completo per l’accesso e la gestione professionale del social in tutte le sue componenti, eliminando quella fastidiosa sensazione di dilettantismo suscitata dal dover gestire pagine di clienti con l’account personale, o peggio ancora con profili fake (quelli che Facebook chiama eufemisticamente “accessi condivisi”).
Ecco le principali novità introdotte dall’ecosistema di Facebook Business Manager.

Un unico ambiente per gestire tutto.

business_manager_2

L’interfaccia di Facebook Business Manager è semplice e intuitiva e permette di avere sin da subito uno sguardo onnicomprensivo su tutta la nostra attività business su Facebook: la UI ci guida con immediatezza tra le fan page che amministriamo, gli account pubblicitari e le persone del team di lavoro. È possibile organizzare il proprio workflow in progetti, ai quali possiamo assegnare le risorse, senza dove invitare i collaboratori ad amministrare ogni singolo elemento del progetto.

Privacy, sicurezza e riservatezza.

business_manager_3
Da Facebook Business Manager è possibile controllare l’accesso ai ruoli di amministrazione di tutte le fan page e gli account dell’azienda o dell’agenzia. Si può dichiarare la proprietà di una pagina o stabilire se questa sia solamente gestita; e si possono facilmente regolare anche i rapporti con altre agenzie. Non solo: restando in ambiente business, è possibile gestire i ruoli di amministrazione senza necessariamente richiedere l’amicizia su Facebook alla persona interessata.
Inoltre non si corre il rischio di commentare e/o pubblicare a titolo personale anziché in nome del brand di cui gestiamo la pagina Facebook.
Degna di nota è anche la possibilità di gestire l’account Facebook Ad (e quindi il metodo di pagamento), su Facebook Business Manager, a tutto vantaggio della sicurezza.

Lavorare su Facebook… Fuori da Facebook.

business_manager_1
Non è un controsenso: Facebook Business Manager risolve il grande dilemma della divisione tra ambiente lavorativo e sfera privata con cui spesso i social media manager, specie se freelance, si trovano ad avere a che fare. La divisione tra profilo personale e spazio business parte dall’e-mail da associare a Facebook Business Manager: si può usare quella aziendale, anziché quella che abbiamo associato al nostro account Facebook personale. Inoltre, le pagine gestite con Business Manager non sono più visualizzate nella lista di quelle amministrate sul profilo personale, permettendo di separare la gestione delle pagine business da quella, ad esempio, del nostro blog personale.

Insomma, dopo tante scelte smaccatamente markettare, Facebook sembra voler diventare adulto anche nel rapporto con gli utenti business: che la trasformazione in paid medium del social network più famoso del mondo sia ormai definitivamente completa?

Fabrizio Stoppa

Fabrizio Stoppa

Scrisse la sua prima headline nel 1984, usando le matite colorate dell’asilo: “Yogurt. Un po’ acido, ma buono”. E fu subito chiaro che la cucina sarebbe stata una delle sue due grandi passioni. Della seconda ne ha fatto un lavoro. La sua frase preferita: “Io sono vivo, ma non vivo perché respiro, | mi sento vivo solo se sfilo la stilo e scrivo” (Caparezza).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>